Progetti d'Istituto

Immagine2.png

 Progetto Lettura a.s. 2017/2018

Il Progetto Lettura si trova nel suo ventesimo anno: nato e cresciuto nell’allora Circolo Didattico, è diventato maturo e maggiorenne nell’Istituto Comprensivo n. 2 ed ora assume una differente direzione e articolazione nell'Istituto Comprensivo “Gianfranco Zavalloni”. Il suo percorso si basa ed è finalizzato alla lettura. La lettura mira a presentare libri, a diventare un’esca, ma viene fatta anche per fornire la testimonianza di adulto lettore e nella consapevolezza che si legge ad alta voce perché attraverso la mediazione emotiva dell’adulto diventa molto più naturale stabilire legami educativi. Inoltre la lettura diventa uno strumento per lavorare su tematiche differenti in ogni anno scolastico. Quest'anno, dopo l'avvenuta intitolazione del nostro Istituto al maestro e Dirigente scolastico “G. Zavalloni” il Progetto Lettura, progetto di Istituto, ha scelto come pista di approfondimento uno dei suoi diritti, che è strettamente legato all'ambiente e ancor di più al territorio: il diritto alla strada ed al buon inizio. Le attività previste sono: letture degli insegnanti di libri adeguati al percorso del Progetto Lettura, Giochi con le parole, giochi con le storie e giochi con il corpo, giochi con le parole, giochi con le storie e giochi con il corpo, scrittura, costruzione, illustrazione di libri, visita a biblioteca, musei, ludoteche. Il Progetto Lettura avrà come momento conclusivo la mostra cittadina che ogni anno ha richiamato moltissimi visitatori e che ha sempre rappresentato un momento di socializzazione e di dialogo tra scuola e città e si svolgerà presso la Biblioteca di Riccione, con inaugurazione sabato 21 aprile 2018. DESTINATARI: alunni Infanzia, Primaria, 1° Grado.


speciale.png

PROGETTO BENI CULTURALI – AMBIENTALI - SPECIALI

Il progetto è basato su una metodologia di ricerca che si diversifica in percorsi plurimi e si avvale di strumenti specifici per divenire operativa e significativa. Con lo scopo di sviluppare la metodologia di lavorare per progetti, sono previste visite guidate, osservazioni dirette, attivazione di laboratori in classe, lavori di gruppo. Le metodologie adottate cambiano a seconda del campo di ricerca effettuato e sono flessibili, in grado cioè di adattarsi ai diversi contesti e ad eventuali esigenze o interessi della classe che possono nascere in itinere. Gli insegnanti progettano nuovi percorsi seguendo le indicazioni degli esperti.                                   

DESTINATARI: alunni Infanzia, Primaria, 1° Grado.


ambientali.png

 PROGETTI  AMBIENTALI

I progetti proposti partono da una conoscenza dell’ambiente, dei suoi elementi, dei suoi meccanismi regolatori per poi giungere a sottolineare il ruolo dell’uomo come fattore modificatore dell’ambiente per poter comprendere quali comportamenti adottare per rendere più sostenibile il nostro stile di vita. L’esperto effettua le sue lezioni in aula e porta i suoi strumenti scientifici, poi si effettua un’uscita nell’ambiente prescelto.

I percorsi di educazione ambientale sono proposti da: Planetario Galileo Galilei, Arboreto Cicchetti, Arboreto di Mondaino, Osservatorio naturalistico Valmarecchia, Fondazione Cetacea, Club Nautico La Saviolina, Il Millepiedi WWF, Riserva Naturale di Onferno, Guardie Ecologiche volontarie, Hera (Progetti  “La macchina del mondo”), “Un bosco per la città” a cura del Punto Macrobiotico.

Destinatari: alunni Infanzia, Primaria, 1° Grado.

Ricicliamo (Via Ionio)

Sensibilizzare gli studenti sui temi del riciclo dei materiali plastici e cartacei. Promuovere comportamenti virtuosi durante la ricreazione, sia negli spazi interni che esterni.

Un amico speciale (Via Ionio)

Intervento in classe del veterinario e uscita in canile, per l’educazione al rispetto degli animali


 PROGETTO SCUOLA-FAMIGLIAincontri%20serali.jpg

Favorisce momenti di incontro e di confronto tra scuola e famiglia. Gli obiettivi sono: approfondire tematiche educative, prendere consapevolezza dell’importanza del proprio ruolo di genitore o di insegnante rispetto al processo formativo che vede come protagonisti i propri figli/alunni, fornire strategie educative e strumenti per migliorare l’azione educativa, a casa e a scuola. 

PROGETTO – SPERIMENTAZIONE: “La Pedagogia Metodologia dei genitori” del professore Riziero Zucchi dell’Università di Torino. Il sapere dei genitori appartiene al sapere dell’esperienza, ha la caratteristica di essere quotidiano, concreto e situato. Le conoscenze degli esperti hanno carattere formale, riguardano la specificità delle loro competenze, acquisite nel corso di studi approfonditi e settoriali e di un’esperienza in campi specifici. I genitori conoscono l’unicità e la specificità del figlio, la sua storia, la sua globalità, costituiscono l’ambito ecologico umano all’interno del quale si è formato. Occorre creare una cultura del riconoscimento delle reciproche competenze, base per il patto educativo tra esperti e genitori. La narrazione dell’itinerario formativo e la presentazione del figlio, che avviene collettivamente nel Gruppo di narrazione, principale strumento della Metodologia, contribuisce alla creazione di una genitorialità allargata. La resilienza e il sapere della famiglia vengono espressi con forza e efficacia dai genitori con figli con disabilità. Sono loro che quotidianamente si relazionano con gli esperti e rivendicano l’identità e la positività dei figli. Il superamento di ostacoli li mette in grado di essere alleati di tutti i professionisti che intraprendono con impegno il loro compito. Le presentazioni dei figli disabili da parte dei genitori diventano strumento di formazione collettiva.

Ogni plesso organizza, in accordo con le famiglie, le feste di Natale, di fine anno e la festa per la mostra del Progetto Lettura in biblioteca, al fine di trascorrere momenti collaborativi e di scambio relazionale in un clima sereno e gioioso.

Festività/Feste finali/mercatini: con la partecipazione del personale scolastico, alunni e loro famiglie.


 PROGETTI INTERCULTURArecupero.png

Progetto “Sull'Italiano non si torna indietro”: Gli alunni stranieri della Scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado possono recuperare le abilità di base ed i contenuti trattati per promuovere l’autostima dell’alunno e per migliorare l’apprendimento dei contenuti più complessi, in vista del consolidamento dell'alfabetizzazione. È un progetto elargito dal Comune di Riccione.

LABORATORI ASS. ARCOBALENO: organizzati da personale educativo dell’Associazione in orario extrascolastico per alunni di origine straniera. (Anche estivi e pre-scuola).

MEDIATORE CULTURALE della “Cooperativa Eucrante”: per gli alunni stranieri appena giunti in Italia la Cooperativa mette a disposizione il mediatore per lo studente e la famiglia dello studente.

 


 Immagine1.pngSpazio d'ascolto

Offrire un servizio di sportello per il supporto psicopedagogico a genitori ed insegnanti.

Offrire uno Spazio di Ascolto per gli alunni della Scuola Secondari di 1° Grado.

Inoltre lo psicologo M. Ciavatti si rende disponibile per effettuare progetti nelle classi e laboratori con i genitori e insegnanti.


CURRICOLI DIGITALI

Partecipiamo come Istituto in rete con il capofila I.C. di Misano Adriatico al Progetto che si inserisce nell’ambito del Piano nazionale per la scuola digitale (PNSD) e, in particolare, nella parte dedicata a “competenze e contenuti” e attua l’Azione #15 “Scenari innovativi per lo sviluppo di competenze digitali” tesa a sviluppare percorsi per gli studenti e per i docenti, anche attraverso partenariati, diretti a incentivare la produzione di contenuti didattici innovativi sui temi delle competenze digitali. Finalità del presente avviso è la realizzazione, a favore delle istituzioni scolastiche ed educative statali, di curricoli, ossia formati e strumenti innovativi, per lo sviluppo di competenze digitali, che siano in grado di accompagnare le attività curricolari di apprendimento degli studenti sui temi del digitale e dell’innovazione attraverso percorsi didattici fortemente innovativi.


 PROGETTI IN BIBLIOTECAPL2008_005.gif

Progetto Avventure in biblioteca per gli alunni di 3^ e 4^ Scuola Primaria, vengono consegnati dei libri dalla biblioteca e organizzato un speciale gioco dell’oca.

Progetto A piedi nudi nel parco è una rappresentazione teatrale per gli alunni di 2° Scuola Primaria.

Progetto Creature Selvagge Scuola Secondaria di 1° Grado.

Scrittori di classe, IO leggo perché

Stimolare negli alunni il piacere di leggere e scrivere. Il tema proposto è: Grandi valori dello sport.” 


 PROGETTI INCLUSIONEimpronte-mani.jpg

L’inclusione degli alunni diversamente abili nelle classi e finalizzato alla piena integrazione di ognuno; offrendo a tali alunni ogni possibile opportunità formativa, la scuola si propone l’obiettivo di consentire a ciascuno il pieno sviluppo delle proprie potenzialità.   

Quest’anno oltre al già consolidato progetto di MUSICOTERAPIA, rivolto alle classi in cui sono presenti alunni portatori di handicap, si diversificherà l’offerta formativa con il progetto Cucina.

LABORATORIO DI CUCINA= per i gruppi - classe con alunni disabili, nel Plesso “F.lli Cervi” di Via Ionio (dotato di una cucina) si prevedono attività di integrazione durante le lezioni di cucina, le quali si amplieranno in tre diversi progetti:

“Progetto Autonomia, uso dei mezzi pubblici”, gli obiettivi saranno quelli di saper organizzare ed effettuare spostamenti per mezzi pubblici, migliorare la gestione della vita quotidiana e facilitare l’integrazione nella società, acquisire l’autonomia sul piano funzionale.

Conoscenza e uso dell’euro”, gli obiettivi saranno quelli di conoscere l’euro e saper utilizzare piccole quantità di denaro in modo autonomo.

Cuochi senza fiamme”, gli obiettivi riguarderanno l’acquisizione delle autonomie, il saper stare insieme agli altri, condividendo spazi e materiali, interiorizzare gli apprendimenti logico – matematici.

Istruzione parentale: I genitori o gli esercenti la potestà parentale, che intendono provvedere in proprio all’istruzione di minori soggetti all’obbligo di istruzione, devono rilasciare al dirigente scolastico della scuola viciniore un'apposita dichiarazione, da rinnovare anno per anno, circa il possesso della “capacità tecnica o economica“ per provvedervi. Il dirigente scolastico ha il dovere di accertarne la fondatezza. A garanzia dell’assolvimento del dovere all’istruzione, il minore è tenuto a sostenere un esame di idoneità all’anno scolastico successi.

PROGETTO “GIOCO E STUDIO CON TE”

Progetto di istruzione domiciliare rivolto a bambini ospedalizzati o con gravi patologie, che non possono frequentare la scuola per lunghi periodi. Destinatari: alunni Primaria, 1° Grado. Il nostro Istituto è capofila in rete con altri Istituti del circondario.


 PROGETTO CONTINUITA'progetto%20continuita_clip_image007_0000

 La Scuola  dell’infanzia e la  classe 4° di Scuola Primaria portano avanti laboratori in continuità con  la sezione dell’Infanzia interessata. Gli insegnanti della scuola secondaria di 1^ grado svolgono attività di accoglienza che si declina in due momenti distinti: il primo consiste nella visita delle classi quinte alla scuola secondaria di 1^ grado e saranno previste alcune attività di simulazione di una lezione (un laboratorio di pittura in Via Alghero e laboratori di cucina … In Via Ionio); il secondo,  previsto all’inizio dell’anno scolastico successivo,  si articola in una serie di attività di accoglienza che interesseranno le prime due settimane di lezione.  Inoltre, poiché la scuola secondaria di 1°  grado è l’anello di congiunzione tra la scuola primaria e quella secondaria di 2^ grado, il piano d’intervento del nostro Istituto prevede il raccordo anche con quest’ultima.


 VERSO UNA SCUOLA AMICAscuolaamica.png

 Letteralmente “cittadinanza”  significa: vincolo di appartenenza di un individuo a uno Stato che comporta un insieme di diritti e doveri. Il Progetto promuove l’alfabetizzazione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza mediante la diffusione e valorizzazione della Convenzione Internazionale; attivazione/consolidamento di percorsi di progettazione partecipata con il coinvolgimento degli studenti su tematiche differenti (accoglienza/inclusione o partecipazione/legalità). A  seguito dell’adesione al Progetto Pilota, il nostro Istituto ha ricevuto l’attestazione di “Scuola Amica”.


PROGETTI SPORT SPORT.png

Contribuire alla promozione della pratica motoria e sportiva da intendersi innanzitutto come esperienza di vita. Potenziare l’incidenza formativa degli interventi didattici centrati sul Corpo, movimento e pratica ludico-sportiva, progettati in ambito scolastico, mediante attività condotte in compresenza tra Insegnante di classe e Insegnante di Educazione Fisica (Operatore UISP).

Creare i presupposti per una forte azione sinergica, sul piano educativo, tra scuola ed extra- scuola, in tema di pratica motoria e sportiva (nel rispetto di ruolo e compiti di ognuno), con lo scopo di potenziare il percorso formativo di ciascun soggetto e contrastare eventuali difficoltà di ordine comunicativo, relazionale e sociale nell’infanzia.

Destinatari: alunni Infanzia, Primaria.

Per gli alunni della Scuola Superiore di Primo Grado sono previsti progetti sportivi inerenti l’avvicinamento dei ragazzi a diverse discipline sportive grazie all’intervento di esperti. Tra le discipline sportive presentate ci sono: Squash, Karate, Taekwondo, Basket, Duathlon, Ultimate Frisbee, Rugbyto.

Inoltre si istituirà al pomeriggio un gruppo sportivo per la preparazione ai Giochi Sportivi Studenteschi.


 PROGETTI EXTRA-SCUOLAk18082152.jpg

Laboratorio d’intrecci di parole e musica. Una scuola che si apre al territorio, diventa un luogo di incontro e formazione per tutti i soggetti che la vivono e può rappresentare uno strumento vincente per la concreta integrazione di tutte le diversità e per la prevenzione ed il recupero delle diverse forme di disagio. Ecco che attività laboratoriali pomeridiane relative alla narrazione, al suono e alla musica, all’uso del corpo e della voce, alla riflessione sul testo, al gioco quindi della musica e del teatro, possono rappresentare il contesto privilegiato in cui le diversità si sperimentano, si conoscono, si rispettano e si apprezzano.

Il linguaggio teatrale e musicale coinvolgono il gesto, il movimento, l’espressione, il suono, la parola, il canto, l’immagine, il pensiero. E un corso di teatro e musica rivolto ad alunni, genitori e insegnanti dell’Istituto. m

 Il corso di teatro, tenuto da un’artista teatrale, è rivolto a bambini, genitori e insegnanti delle classi 5° e 1° Media, si svolge ogni GIOVEDì dalle 17.30 alle 19.30 a partire dal mese di gennaio e termina con una rappresentazione scenica sul tema del Progetto Lettura al Teatro “Spazio Tondelli” di Riccione. Il corso di musica si svolge attraverso l’attività del coro.

“La scuola del fare e del pensare” (Scuola Sec. di 1° Grado) Informazione - promozione del benessere sociale, della salute e di stili di vita sani. Favorire la socializzazione e l’integrazione tra alunni. Educare alla cooperazione e alla solidarietà. Promuovere le potenzialità creative individuali in vari ambiti espressivi, utilizzando diversi metodi, strumenti e linguaggi. Conoscere la realtà della Associazione del territorio attraverso:

- Mostra finale a Villa Mussolini degli elaborati dei ragazzi di terza.

- Laboratori presso enti esterni di" Murales "


 MEDIA.jpgEDUCAZIONE ALLA LEGALITA'

Il progetto nasce dal protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione e l’Arma dei Carabinieri. Intende: favorire lo sviluppo e la coscienza di comportamenti civili e responsabili, evidenziare che le regole, oltre a essere spontanee, utili e condivise, sono necessarie, far comprendere la differenza tra “legali” ed “illegali”. In programma si ha un ciclo di incontri nella Scuola Secondaria di 1° Grado e visite guidate presso la caserma dei Carabinieri, per gli alunni della Scuola Primaria.

“Proteggiamo la scuola”

Destinatari: alunni scuola primaria e secondaria di primo grado.

Alcune associazioni (VolontaRimini) organizzano laboratori e incontri formativi di educazione ai media nelle scuole rivolti a bambini, adolescenti e adulti. Queste attività sono finalizzate a promuovere un uso critico e consapevole dei mezzi di comunicazione, come giornali, TV, internet, cellulari. Percorsi per l’uso consapevole dei media e la prevenzione del cyberbullismo”.

“Non congelateci il sorriso”: Prevenzione al bullismo e cyberbullismo, con laboratori organizzati in classe dal “Centro Zaffiria”. Per alunni del plesso di Via Ionio.


 OGNI MUSICA E' UN GIOCOmusica.png

Potenziare le abilità espressive e comunicative attraverso il linguaggio musicale. Educare all’ascolto e alla produzione musicale (canto corale e strumentario); Utilizzare la voce, oggetti sonori e strumenti musicali per comprenderne le diverse possibilita espressive; Approfondire le conoscenze musicali. Uso della voce e del corpo per interpretare e rappresentare combinazioni timbriche, ritmiche e melodiche, secondo schemi semplici.

DESTINATARI: ALUNNI 1^ - 2^ scuola primaria.

Bimbi di 5 anni della Scuola dell’Infanzia: progetto “Alla scoperta dei suoni”, sviluppa la percezione e l'attenzione uditiva, esplora la propria voce, fa scoprire e conoscere le possibilità sonore del proprio corpo, promuove la capacità di ascoltare se stessi e gli altri.

LABORATORI MUSICALI PER CORO: alunni Sec. 1° Grado. Musica d’insieme. Ascolto mirato, educazione all’ascolto; esercitazioni vocali e strumentali. Con la metodologia delle “lezioni concerto”.  Costruzione di strumenti al fine di conoscere in maniera più approfondita la loro struttura, specialmente quelli dell'epoca medioevale


 AVISavis.png

 Conoscere il lavoro dei volontari dell’Avis e l’importanza vitale di donare il sangue per la tutela e la sopravvivenza di ciascuno di noi. L’approccio è quello del disegno e di una pseudo gara tra alunni per colorare quello più bello e il vincitore potrà  arricchire con il suo contributo il  calendario  del nuovo anno.

DESTINATARI: alunni classe 5° primaria.


 PROGETTI EDUCAZIONE STRADALEvigili.png

 PROGETTO “StradAMICA”: Promuovere un approccio corretto al comportamento stradale attraverso un percorso educativo e didattico permanente, che possa favorire l’assunzione di atteggiamenti e comportamenti civici corretti. Abbiamo rilevato che le strategie più efficaci risultano essere quelle che costruiscono sinergie positive tra i vari soggetti ed enti, quali la scuola, la famiglia, gli operatori della Polizia Municipale.

DESTINATARI: alunni 3° - 4°  Scuola Primaria.


 untitled.pngPROGETTO PEDIBUS

Nato in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e la locale Polizia Municipale. Esso ha l’obiettivo di: far vivere la città ai bambini favorendo le loro esigenze di autonomia, anche recandosi a scuola a piedi con l’aiuto di alcuni genitori; regalare la possibilità agli alunni di osservare il proprio quartiere da un punto di vista tanto privilegiato quanto insolito per loro come le vie da percorrere a piedi;favorire atteggiamenti responsabili e rispettosi di luoghi e spazi comuni.

DESTINATARI: Scuola Primaria “Fontanelle”, Paese, R.Ovest.


framework_logo.png

 FRUTTA NELLE SCUOLE

 Obiettivo: far approfondire ai bambini le loro conoscenze sulle qualità della frutta e sui benefici legati al suo consumo attraverso un percorso completo e multidisciplinare.

DESTINATARI: alunni della Scuola Primaria.


 PROGETTO ORIENTAMENTO (Alunni Scuola Secondaria di Primo Grado)ori.jpgAl terzo anno, l’orientamento alla scelta, prevede interventi di consolidamento delle conoscenze disciplinari di base, di rafforzamento delle capacità e delle competenze per favorire il successo formativo, fondamento della formazione orientativa e professionale, mirata alla scelta. Si promuovono inoltre iniziative di informazione sul mondo del lavoro, sulle prospettive occupazionali, presenti nel territorio (Progetto La città dei mestieri), per la scelta del percorso formativo successivo ed il progetto con il C.N.A.: ci saranno tre incontri per classe sul raccordo scuola- impresa. Interventi di M. Ciavatti nelle classi terze e disponibilità dello psicologo ad offrire uno sportello mirato all'orientamento, ed una serata informativa rivolta ai genitori. Inoltre Nel mese di dicembre ogni Consiglio di Classe elabora una scheda che contiene le osservazioni sulle attitudini specifiche di ogni singolo allievo e fornisce all’alunno e alla sua famiglia il consiglio orientativo.


 PROGETTO RECUPERORECUPERO.png

 Recuperare le abilità di base ed i contenuti trattati per promuovere l’autostima dell’alunno e l’acquisizione degli apprendimenti con gli insegnanti della scuola.

PROGETTO POTENZIAMENTO: Corsi di recupero di italiano, matematica e lingue straniere con gli insegnanti della scuola. Potenziare le competenze nelle varie discipline letterarie, scientifiche, artistico-espressive, musicali ed informatiche.


pon2014.jpg

AVVISO 1 realizzazione/ampliamento rete Lan/WLan

Obiettivi: portare la copertura dei servizi wireless complessivi dei plessi alla percentuale del 60 % circa, attraverso il cablaggio e il wifi - utilizzare il registro elettronico nelle scuole primarie dell'Istituto;

AVVISO 2: 10.8.1.A3 Ambienti multimediali: Spazi alternativi per l’apprendimento

Il Progetto intende soddisfare i bisogni dell’utenza e del corpo docente che interpreta la scuola come ambiente di insegnamento/apprendimento laboratoriale efficace e funzionale, percepito come uno spazio unico integrato, in grado di accogliere in ogni momento persone e attività offrendo caratteristiche di funzionalità e benessere. L’ampliamento delle dotazioni tecnologiche faciliterà l’apprendimento delle discipline, che sarà supportato dal rinnovamento tecnologico anche nell’uso del laboratorio come laboratorio linguistico, scientifico, tecnologico e multidisciplinare in genere. Anche attraverso l'utilizzo di software, di esercizi interattivi e online, di esperienze virtuali che si potranno svolgere nello spazio alternativo all'apprendimento.

AVVISO 3: COMPETENZE DI BASE. Asse I – Istruzione – Fondo Sociale Europeo (FSE)

Obiettivo Specifico 10.2 – Azione 10.2.1 e Azione 10.2.2

Avviso che prevede l’innalzamento delle competenze di base e la prevenzione dell’abbandono scolastico precoce, la promozione dell’uguaglianza di accesso all’istruzione prescolare, primaria e secondaria di buona qualità, inclusi i percorsi di apprendimento formale, non formale e informale, che consentano di riprendere l’istruzione e la formazione. Esso si propone interventi formativi per rafforzare gli apprendimenti linguistici, espressivi, relazionali e creativi, nonché lo sviluppo delle competenze in Italiano, Inglese e Matematica, secondo le Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione.

AVVISO 4: COMPETENZE DI CITTADINANZA GLOBALE. Obiettivo Specifico 10.2 – Azione 10.2.5 – Sotto Azione 10.2.5 A

L’obiettivo specifico “Miglioramento delle competenze chiave degli allievi” prevede anche azioni dirette al consolidamento, all’approfondimento e allo sviluppo delle conoscenze e delle competenze di cittadinanza globale. Le azioni sono finalizzate allo sviluppo delle competenze trasversali, sociali e civiche, che rientrano nel più ampio concetto di promozione della cittadinanza globale, al fine di formare cittadini consapevoli e responsabili in una società moderna, connessa e interdipendente.

Le aree tematiche per gli interventi sono: educazione alimentare, cibo e territorio; educazione ambientale; civismo, rispetto delle diversità e cittadinanza attiva.


logo_bisonte.bmp

PROGETTI: “Tra storia e archeologia, tra geografia e ambienti, tra arte e artisti.”

Si effettueranno progetti di valenza storico - geografica ed artistica, alla scoperta del nostro territorio e per approfondire diverse tematiche proposte dagli esperti del Museo del Territorio e dei musei dei Comuni circostanti. 

ARTE E IMMAGINE

Progetto di arte per le classi quarte di Scuola Primaria, si prevedono cinque interventi in aula di due ore ciascuno degli esperti Monica Bologna e Fabio Righi. Dall’osservazione e dalla “copiatura” si arriverà all’esercitazione con i disegni, utilizzando diverse tecniche pittoriche ed espressive


orto.pngORTI SCOLASTICI (Bertazzoni, Fontanelle 2^C-D, Panoramica, Riccione Ovest)

L’orto/giardino è un luogo dove si possono ’incontrano di numerose possibilità didattiche ed esperienziali. Per questo, esso può diventare diviene quindi non un fine, ma uno splendido e colorato, e al contempo utile, strumento didattico e, propedeutico e pedagogico, e non un semplice fine. L’idea è quindi quella di pensare l’orto non come un diversivo ma come lo sfondo integratore su cui si intersecano svariate materie: dalla matematica, geometria, educazione alimentare, all’educazione artistica, alla manualità ecc. Facendo esperienza con l’orto, il bambino fa esperienza diretta con il percorso del cibo dal campo alla tavola; fa esperienza diretta con i differenti gusti e le differenti forme degli ortaggi, sperimentandone i vari utilizzi creativi in cucina. Stando a contatto con la terra e con i cicli naturali, ogni bimbo esperisce direttamente il tempo dell’attesa e della lentezza, concetti chiave nell’epoca frenetica del tutto e subito.

Inoltre attraverso questo meraviglioso e potente contatto con il mondo della natura, il bambino comprende maggiormente il concetto di ciclo e di morte/rinascita, divenendo la natura metafora della nostra vita: il seme che viene accolto dalla terra, il seme che germoglia e cresce lentamente, il seme che vive e si relaziona in un determinato ambiente, la pianta che diventa fiore e poi frutto, la pianta che prima di morire getta il suo seme, la pianta che morendo diventa concime… Non solo, l’orto può diventare un modo per rileggere la storia... lo spunto per scoprire il proprio territorio, conoscere le tradizioni, le colture tipiche e la cultura popolare, quindi anche un modo per conoscere quelle di altri popoli e di fare concretamente intercultura.


Dire Fare Danzare (Bertazzoni)

Attivare il corpo nelle sue diverse parti, aumentandone la consapevolezza e il controllo, ricercare creativamente le forme corporee diverse, trovando modi alternativi per comunicare emozioni, comunicare e interagire con l’altro attraverso il corpo, potenziando le capacità di osservazione e ascolto. Si realizzerà un video e fotografie degli esiti finali.


OCTOPUS

Progetto presentato in rete con altri istituti del nostro territorio, per i nostri alunni adolescenti, finalizzato all’attivazione di laboratori extrascolastici che possano far acquisire loro competenze anche trasversali, connesse alla musica, all’arte, alla produzione audiovisiva,


La religione nell’arte e nella cultura a Riccione (Via Alghero)

Valorizzare il patrimonio artistico locale e riconoscere il messaggio cristiano dell’arte e nella cultura, attraverso la visita guidata alla Chiesa di San Martino a Riccione per conoscere la struttura, la simbologia e le vetrate artistiche.


Feste/Mercatini di Natale e Pigotta

Obiettivi: avvicinare gli alunni al senso umanitario, tramite la costruzione e la vendita per beneficenza; sviluppa la creatività, le capacità manuali; agevola lo spirito di gruppo e la collaborazione reciproca.


Dialogo e movimento (Classe 5°A Fontanelle)

Migliora l’espressione verbale e corporea, il linguaggio non verbale, la relazione, con un occhio di riguardo ai bimbi disabili.


“Conosciamo e valorizziamo il nostro territorio” (Classe 5°B Fontanelle)

Offre un percorso di esperienze concrete partendo dalle esigenze concrete degli alunni e offre la possibilità di instaurare un dialogo con le Istituzioni dell’Ente territoriale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CSS Valido!

Valid XHTML 1.0 Strict